I greci a Roma

Vorrei ringraziare i numerosi lettori che, dalla Grecia, leggono questo blog, dedicando la pagina di oggi alla presenza greca a Roma. Non mi riferisco all’influenza fondamentale che l’arte, l’architettura, la filosofia dell’antichità greca ha esercitato su Roma, ma alla presenza di gruppi di greci emigrati nella nostra città, che vari toponimi ancora ricordano: via della Greca,Continua a leggere “I greci a Roma”

Un collezionista compulsivo

La passeggiata che sto per proporvi è doppiamente virtuale, perché si riferisce a un grande collezionista di cui a Roma non è rimasta alcuna traccia. Si tratta del marchese Giampietro Campana che nacque nel 1809 in una famiglia molto in vista nella Curia romana. Dopo aver studiato con i Gesuiti al Collegio Romano, incominciò aContinua a leggere “Un collezionista compulsivo”

Guardando le finestre

Il centro storico di Roma è disseminato di magnifici palazzi cinquecenteschi ma uno dei miei preferiti è Palazzo Capranica, che affaccia sulla piazza omonima. La mia predilezione si basa sul fatto che il palazzo è un vero e proprio trattato di architettura e vi spiego subito perché. Palazzo Capranica fu voluto dal cardinal Domenico cheContinua a leggere “Guardando le finestre”

La porta del Paradiso

I pellegrini che arrivavano a Roma da nord percorrevano l’ultimo tratto della via Flaminia e entravano a Porta del Popolo dove, dal 1589, si ergeva il quarto obelisco eretto a Roma.  Per avere un’idea numerica del fenomeno, si può fare riferimento a Giovanni Villani che, nel Trecento, parla di 200.000 pellegrini in una città cheContinua a leggere “La porta del Paradiso”

Il cannone del Gianicolo

A Roma esiste un numero incalcolabile di chiese, quasi tutte munite di campanile e campane, che scandivano il tempo, chiamando alle funzioni e alla preghiera o, semplicemente, battendo le ore. Doveva trattarsi di un concerto dissonante, visto che non vi erano indicazioni condivise per la misurazione del tempo. Per risolvere il problema, nel 1847 PioContinua a leggere “Il cannone del Gianicolo”

La bottega dello scultore

Nel 2019 il Museo di Roma a Palazzo Braschi ha ospitato una mostra intitolata Canova. Eterna bellezza. I visitatori sono stati tanto numerosi da rendere necessaria la prenotazione. Ora Palazzo Braschi è chiuso, come pure la Galleria Borghese e le chiese di San Pietro e Santi Apostoli, che ospitano alcuni dei maggiori capolavori canoviani. Eppure, unContinua a leggere “La bottega dello scultore”

Animali di bronzo, animali di pietra

Roma è una città piena di animali. Ma non mi riferisco ad animali in carne ed ossa, come i gatti dell’area sacra dell’Argentina. Penso invece a tutti quelli realizzati dall’uomo. La stessa origine di Roma è legata alla lupa capitolina. Poi mi vengono in mente il macaco di via della Scimmia, l’elefantino della Minerva, leContinua a leggere “Animali di bronzo, animali di pietra”

Un ricco milanese

È interessante riflettere sui toponimi della città per scoprirne la storia. A Roma ci sono solo cinque strade che sono indicate come Borghi: Borgo Santo Spirito, Borgo Sant’Angelo, Borgo Pio, Borgo Vittorio e Borgo Angelico. Prima dell’apertura di via della Conciliazione, esistevano altri due borghi (Borgo Vecchio e Borgo Nuovo) che formavano la Spina diContinua a leggere “Un ricco milanese”