Obelischi grandi, obelischi piccoli

Si sa che Roma è la città degli obelischi. Quando conquistarono l’Egitto, i romani rimasero affascinati nel vedere questi altissimi e snelli monoliti, solitamente di basalto o di granito rosso, eretti in onore del dio Sole. Da grandi ingegneri quali erano, a partire dall’età imperiale trasportarono a Roma molti degli obelischi che ora forniscono straordinariContinua a leggere “Obelischi grandi, obelischi piccoli”

Roma, una città duale

Quando ho cominciato questo blog i luoghi pubblici – bar, ristoranti, musei, teatri – erano già stati chiusi, ma non erano ancora stati posti limiti alla nostra libertà di movimento. Il mio programma era dunque di passeggiare e fotografare i luoghi che avrei via via presentato. Questo non è più possibile ora, perché non miContinua a leggere “Roma, una città duale”

Innumerevoli sono le chiese di Roma

Parafrasando Umberto Eco si potrebbe dire che innumerevoli sono le chiese di Roma. Dall’editto di Milano, con cui nel 310 Costantino sancì la libertà di culto per i cristiani, al XX secolo, le chiese si sono moltiplicate: basiliche romane trasformate, chiese degli ordini monastici o dei vari gruppi nazionali, cappelle dei palazzi nobiliari, la cittàContinua a leggere “Innumerevoli sono le chiese di Roma”

La preghiera di Francesco

Venerdì 27 marzo 2020, al culmine della pandemia di COVID 19, papa Francesco ha impartito una benedizione urbi et orbi dal sagrato della Basilica di San Pietro.  La figura del papa vestito di bianco si stagliava contro il grigio plumbeo della Basilica. Le sue parole di conforto, profonde e accorate, erano scandite dalla pioggia che batteva insistente.Continua a leggere “La preghiera di Francesco”

Dal piede alla testa

La strada che porta da piazza del Collegio Romano alla Minerva si chiama via del Pie’ di marmo. Ma percorrendola, ci rendiamo subito conto che il piede non c’è. Per trovarlo dobbiamo spostarci all’angolo di via Santo Stefano del Cacco. La storia ci dice che questo reperto, ritrovato in situ come unico resto di una statua colossaleContinua a leggere “Dal piede alla testa”

Ci passava anche Servio Tullio

Roma è una città fittamente costruita, con un reticolo viario complesso, ma fino al Cinquecento aveva un aspetto totalmente diverso. All’interno del vasto perimetro delle Mura Aureliane, gli spazi abitati erano scarsi e prevalentemente concentrati a Campo Marzio, nell’ansa del Tevere. Il Quirinale aveva un aspetto agreste, con ampie distese di campagna sulla quale affioravanoContinua a leggere “Ci passava anche Servio Tullio”

Uno scoop del Cinquecento

Il celebre gruppo scultoreo del Laocoonte è conservato nel cortile ottagono dei Musei Vaticani. Potrebbe quindi sembrare improprio parlarne, visto che le nostre passeggiate si svolgono rigorosamente in luoghi ad accesso libero. Non è infatti il Museo che vorrei invitarvi a visitare ma il luogo in cui questa straordinaria scultura fu rinvenuta. Era il 14 gennaio 1506,Continua a leggere “Uno scoop del Cinquecento”

Al fuoco, al fuoco!

Se, di fronte alla chiesa di San Crisogono si attraversa viale Trastevere per inoltrarsi nei vicoli del rione, ci si imbatterà in una strada dal nome anomalo: via della Settima Coorte. Per spiegarne l’origine, occorre fare un viaggio a ritroso nel tempo di quasi 2000 anni. È noto a tutti l’aneddoto di Nerone che cantaContinua a leggere “Al fuoco, al fuoco!”

Che allegria, le case dipinte

Oggi i romani vanno a piazza Sant’Eustachio per gustare quello che chiamiamo, con buona pace dei napoletani, il miglior caffè del mondo. La piazza prende il nome dalla chiesa che, a sua volta, dà il nome a tutto il rione VIII, detto appunto Sant’Eustachio. Non è una piazza monumentale come tante a Roma, ma haContinua a leggere “Che allegria, le case dipinte”

Il papa e la regina

Alessandro VII, che fu eletto papa nel 1655, proveniva dalla nobile e ricca famiglia senese dei Chigi. Dopo aver studiato a casa con un precettore, conseguì tre lauree presso l’Università di Siena. Oltre ad essere uomo dottissimo, era anche un fine letterato e un abile politico.  Erano anni molto difficili per la Chiesa che, dopoContinua a leggere “Il papa e la regina”